Enciclopedia delle armi - a cura di Edoardo Mori
    torna indietro
 

Home > Varie > Perossido

back

L'esplosivo degli attentatori di Londra - Il perossido di acetone

In relazione agli attentati di Londra, notizie di stampa riferiscono che gli attentatori avrebbero usato il perossido di acetone.
Se così è, trattasi del perossido di tricicloacetone (noto anche con le sigle APEX, TCAP, APO, AP); ing.: Tricycloacetonperoxid; ted: Acetonperoxid.
Formula chimica: C 9 H 18 C 6
Le sue caratteristiche sono le seguenti

Calore di esplosione

Trauzl

250 cc/10 gr.

Distanza di colpo

Sensibilità all'innescamento

Temperatura di esplosione

130°

Velocità di detonazione

5200 ms

Saggio alla Berta 1Kg

3 cm

Temperatura di accensione

Sensibilità a frizione

0,1 N

Sensibilità all'urto

0,3 N

Si ottiene facendo reagire con adeguate tecniche acqua ossigenata sull'acetone (ometto altri dettagli che potrebbero ispirare incoscienti!). Si formano cristalli bianchi o incolori con un punto di fusione di 91° che vengono essiccati. Sono solubili in acetone a 100-120°.
È un esplosivo che può essere preparato in laboratori artigianali e molto potente, ma presenta gravissimi inconvenienti che ne impediscono l'impiego pratico salvo che da parte di chi è disposto a rischiare la vita.
Si altera facilmente dopo pochi mesi, anche se conservato in frigo; esso sublima e si deposita sul coperchio del recipiente che lo contiene, con concreto pericolo di esplosione al momento dell'apertura. È estremamente sensibile a fiamme e scintille ed anche da elettricità statica. Se il prodotto è libero basta una fiamma per farlo infiammare senza conseguenze; ma se non è libero, ed è sufficiente che sia chiuso in un involucro di stagnola, detona. Per di più si intasa da solo così che già una pallina grossa come un pisello (meno di un grammo) detona anche se libera. Si può quindi considerare sensibile quanto la nitroglicerina.
Se non fosse così sensibile potrebbe essere usato anche come esplosivo primario.
Negli ultimi anni si è avuta notizia di un suo uso da parte di attentatori palestinesi saltati in aria prima del previsto, proprio per la pericolosità della sostanza.
Si ricorda che l'acqua ossigenata in soluzione superiore al 30% è molto pericolosa e può formare composti esplosivi instabili per contatto con diverse sostanze organiche, come per l'appunto l'acetone o la methenamina (hexamethylentetramina, il combustibile Meta e il disinfettante di un tempo, l'Urotropina).

Per maggior informazioni si veda la voce nella enciclopedia Wikipedia


torna su
email email - Edoardo Mori top
  http://www.earmi.it - Enciclopedia delle armi © 1997 - 2003 www.earmi.it