Enciclopedia delle armi - a cura di Edoardo Mori
    torna indietro
 

Home > Varie > Glossario delle Arti Marziali

back

Glossario delle arti marziali

Agopuntura
Metodo di cura cinese che opera con aghi inseriti in punti del corpo detti meridiani.

Aikido
Arte marziale giapponese creata da Morihei Ueshiba.

Arnis de Mano
Arte marziale filippina (lett. armatura della mano) che usa sottili bastoni. È anche una specie di danza in cui essa venne trasformata quando gli spagnoli la proibirono.

Atemi
Colpo inferto in un punto vitale del corpo. Usati nello jujitsu, ma vietati negli incontri di judo.

Balisong
Il corretto termine filippino per indicare il coltello butterfly. Usato nelle arti marziali escrima e kali.

Bandesh
Metodo di combattimento indiano a mani nude per rendere inoffensivo l'aggressore senza ucciderlo.

Bando
Arte marziale di Burma introdotta in occidente da Mung Gyi nel 1962. Ha tecniche indicate con il nome di 12 animali: cinghiale, toro, cobra, cervo, aquila, scimmia, uccello, pantera, pitone, scorpione, tigre e vipera.

Banshay
Arte marziale di Burma che usa armi (bastone, spada, lancia).

Bersilat
Arte marziale malese derivata dall'indonesiano pentjak-silat. Praticata anche a Giava e Sumatra.

Binot
Antichissima arte marziale indiana senza armi, vecchia di 3000 anni.

Bo
Bastone lungo sei piedi e mezzo usato in combattimento dai giapponesi e a Okinawa.

Bodhidharma
Santone indiano di cui si narra che abbia portato lo Zen buddista in Cina; avrebbe introdotto nel tempio Shaolin le basi del loro kung fu.

Bok Hok Pai
Metodo cinese di kung fu bastato sugli atteggiamenti della gru bianca.

Bok Mei Pai
Il molto rapido metodo di kung fu "sopracciglio bianco" così detto dal suo creatore Bok Mei. Si dice che egli venisse espulso dal tempio Shaolin per aver ucciso uno dei suoi allievi combattendo.

Bokken
Solida sciabola di legno usata per allenamenti nel kendo e altre arti.

Boxer Rebellion
Nome dato dagli europei alla guerra in Cina nel 1900 perché molti dei combattenti cinesi ribelli appartenevano alla società segreta I-Ho-Chuan che praticavano kung fu con boxe cinese.

Bushi
In giapponese indica il guerriero esperto di arti marziali che segue il codice d'onore bushido.

Ch'an or Chan
Parola cinese per Zen (meditazione). In India detto Dhyana.

Chang San-Feng
Leggendario filosofo taoista che avrebbe fondato lo tai chi chuan, uno dei tre sistemi interni della boxe cinese.

Chang-Hon Yu
Scuola di taekwondo creata da Choi Hong Hi (significa casetta blu).

Chi
L'energia interiore che può essere attivata con esercizi di respirazione detti chi kung, o gung, utile per la salute e la forma fisica. È la base della pratica di tai chi e hsing-i.

Chi Sao
Speciali esercizi nello wing chun kung fu per sviluppare coordinazione e sensibilità nelle braccia. Nota in occidente come "sticking hands".

Chien or Chen
La più antica forma di tai chi chuan con 108 posizioni, originaria del villaggio cinese di Chien.

Ch'in-Na
Arte cinese di afferrare e immobilizzare; una specie di lotta molto sofisticata che richiede studi di anatomia.

Choy Li Fut
Stile meridionale della boxe cinese, derivata dal sistema del tempio Shaolin e creata nel 1836 da Chan Heung.

Chuan Fa
Termine cinese che significa la via del pugno. È l'attuale termine corretto per ciò che viene usualmente detto kung fu.

Chudan
Nelle arte marziali giapponesi la parte mediana del corpo o torace, Nel karate è uno dei tre punti bersaglio del corpo.

Chungdan
Termine coreano per chudan.

Chunin
L'uomo intermedio. Uno dei tre gradi dello ninjutsu.

Cinque animali
I movimenti di gru, dragone, leopardo, tigre e serpente che ispirano il sistema Shaolin .

Cinque antenati
I cinque sopravvissuti al saccheggio del tempio Shaolin; avrebbero fondato le triadi.

Cintura bianca
In molte arti marziali giapponesi indica il principiante.

Cintura nera
Il primo grado significativo nelle arti marziali. Nel sistema giapponese è detta shodan.

Coltello Butterfly
Corto coltello cinese usato a coppie in cert istili di kung fu (wing chun e hung gar). Il vero nome è both jum do. Non confondere con il balisong.

Daisensei
Gran maestro; titolo dato solo a maestri di livello molto alto.

Daisho
La combinazione giapponese di sciabola lunga e corta usata dai samurai nell'era Tokugawa.

Daito
Sciabola giapponese lunga più di 60 cm con un filo tagliente, usata dai samurai.

Daito Ryu
Uno stile di aiki jutsu da cui pare sia stato sviluppato l'aikido.

Dan
Termine giapponese per indicare chi ha raggiunto il livello di cintura nera; si usa anche in alti sport e giochi.

Dim Mak
I leggendari punti mortali. Punti lungo i meridiani noti all'agopuntura sui quali un colpo inferto da un gran maestro poteva provocare la morte ore o giorni dopo.

Dit Da Jow
Unguento a base di erbe e altre sostanze non rivelate che serve per prevenire lesioni durante gli allenamenti in arti marziali.

Do
Parola giapponese per via o sentiero. È il componente finale in kendo e karatedo.

Dojo
Spazio o palestra usata per praticare le arti marziali giapponesi.

Doshin- So
Fondatore della setta religiosa giapponese e dell'arte marziale shorinji kempo.

Dragone
Uno dei cinque stili degli Shaolin. Il dragone simboleggia lo spirito.

Escrima or Eskrima
Arte marziale delle filippine che impiega spada, pugnale e bastoncini (dalla parola spagnola per scherma).

Forma
Serie di movimenti coreografici che riuniscono tecniche di più arti marziali: Detto anche kata.

Fu Hsing
Il dio cinese dalla felicità.

Fu Jow Pai
Il sistema del kung fu "artiglio di tigre" svilupparto al tempio Shaolin.

Full Contact
Forma di karate in cui i colpi vengono inferti all'avversario ,adeguatamente protetto, con piena forza.

Gedan
Area del corpo dalla cintura in giù nelle arti marziali giapponesi.

Genin
Il grado più basso nella gerarchia ninja. Operavano sul campo ed eseguivano assassini.

Gi
Veste da allenamento nelle arti marziali giapponesi. Nel karate si chiama karate-gi, nello judo, judo-gi.

Gichin Funakoshi
Fondatore dello shotokan karate che introdusse il karate in Giappone nel 1922. a Okinawa (così pare).

Goju Kai
Un ramo del gojuryu karate fondato da Gogen Yamaguchi, detto "il gatto", studente di Miyagi.

Goju Ryu
Uno dei più importanti stili del katate derivato dallo stile naha te di Okinawa.

Gomito
Tecnica da combattimento ravvicinato usato in molte arti; in particolare nel muay thai tailandese.

Gru
Uno dei cinque animali dello stile Shaolin nel kung fu.

Gulat
Un tipo di lotta creato a Giava e influenzato dal Sumo.

Gung Fu
Pronunzia cantonese per kung fu.

Guru
Termine di origine indiana per indicare il maestro in alcune arti marziali .

Gyoji
L'arbitro negli incontri di sumo.

Hachidan
Ottavo grado dan di cintura nera. Nelle arti marziali indica il "professore".

Hadan
Termine del taekwondo per indicare la zona sotto la cintura. In giapponese gedan.

Hakama
Significa gonna-pantalone. Copre gambe piedi ed è usata nello aikido, nel kendo e in altre arti marziali giapponesi. È utile per nascondere all'avversario il movimento delle gambe.

Hapkido
Arte marziale coreana abbastanza simile all'aikido con colpi, prese e leve.

Harimau
Lo stile della tigre nello pentjak-silat indonesiano.

Heian
Il nome dei cinque katas base del karate. In alcune scuole gli heian katas sono chiamati pinan katas.

Ho Jutsu
L'arte dei samurai di usare armi da fuoco.

Hojo-Jutsu
L'arte giapponese of binding or rope tying. Metodo alquanto complicati usati dai samurai per legare i prigionieri (in Sicilia detto incaprettamento…!).

Hop Gar
Stile di kung fu di moda all'epoca della dinastia Ching in Cina; era usata dagli imperatori Manchui e dalla loro guardia. Vi erano due stili, gru bianca e corno basso. Questo è noto anche come lama kung fu.

Hsing I
Uno dei sistemi interni delle arti marziali cinesi creato dal grande guerriero Yueh Fei. È basato sui cinque elementi e talvolta indica una specie di boxe.

Hung Gar
Dal nome del creatore Hung (gar significa famiglia o sistema); popolare stile del kung fu basato sul movimento della tigre e della gru ed è uno degli stili cinque antenati.

Hwarang Do
È un'arte marziale usata nel regno di Silla in Corea e unisce codice etico e sistemi di combattimento die Samurai. Rivive ora in USA.

Hyung
L'esercizio di modelli o forme simili al kata giapponese ed usato nel taekwondo.

Iai Do
Arte giapponese di sguainare e ringuainare la sciabola; non è combattimenti, ma crea consapevolezza intellettuale e spirituale.

Iai Jutsu
L'arte marziale da cui deriva lo Iai Do, di sfoderare e rinfoderare la sciabola in modo rapidissimo in battaglia.

Iga
Remota zona montagnosa giapponese ove vivevano i ninja.

Jeet Kune Do
Stile di kung fu lanciato da Bruce Le.

JKA
Associazione Giapponese di Karate, fondata nel 1955.

Jodan
Nelle arti marziali giapponesi la parte alta del corpo sopra le spalle.

Jonin
Il grado più altro fra i ninja.

Ju Jitsu
Arte marziale giapponese che rivolge l'energia dell'avversario contro lui stesso; si pratica sia con armi che senza; la parola significa flessibile, morbido.

Judo
Moderna forma di jujitsu, sviluppata nel 1882 da Jigoro Kano.

Judoka
Il praticante lo judo.

Juken Do
La via della baionetta; arte marziale in cui si combatte con un fucile munito di baionetta; simile al combattimento con lance o bastoni.

Jutso or Jitsu
In giapponese abilità o arte.

Jutte or Jitte
Sottile bastone di ferro con impugnatura (una specie di maganello cilindrico) con una gancio laterale al posto della guardia, utile per bloccare lame. Era in uso in Giappone.

Kalaripayit
Arte marziale indiana dei Tamil e dei Nayar.

Kali
Arte marziale delle Filippine suddivisa in dodici discipline, dall'uso delle armi fino al combattimento a mani nude.

Kama
Antico strumento agricolo simile ad un falcetto, usato come arma ad Okinawa; attualmente di legno per esercitarsi in arti marziali giapponesi.

Karate or Karate Do
La via della mano vuota. Arte marziale giapponese ispirata molto a quelle cinesi con colpi inferti ad ogni parte del corpo.

Karateka
Chi pratica il karate.

Kata
Serie prestabilita di movimenti in cui chi pratica il karate si difende da un nemico immaginario.

Katana
La sciabola giapponese.

Kempo
Pronunzia giapponese di ch'uan fa e cioè il cinese via del pugno. Forma di katate basata sul sistema cinese e sullo taekwondo; molto rapido e popolare in USA.

Kendo
Scherma moderna giapponese basata sulla destrezza dei guerrieri kenjutsu. Si pratica con una sciabola con lama di bambù.

Ki
L'energia vitale.

Kiai
Il grido sordo che accompagna l'attacco nelle arti marziali giapponesi per aumentarle l'energia e per confondere l'avversario..

Kihon
I movimenti base dell'allenamento.

Kobudo
Le anticche vie marziali dei guerriei giapponesi.

Krabi Krabbong
Il combattimenti tailandese con due corte spade affilatissime.

Kup
Uno degli otto gradi del taekwondo, paragonabili ai kyu giapponesi.

Kusarigama
Arma formata da un falcetto unito ad una lunga catena con un peso all'altra estremità. Usata dai ninja.

Kyokushinkai
Sistema di karate giapponese (la via dell'ultima verità) fondato dal coreano Masatatsu Oyama (combatteva i tori a mani nude e conquistò il record di numero di tegole rotte con un solo colpo!).

Kyudo
La via dell'arco, arte marziale giapponese ispirata allo Zen e praticata con un lungo arco asimmetrico.

Lathi or Lathe
Tecnica indiana di combattimento con il bastone.

Linea centrale
Teoria fondamentale della "linea centrale" nel wing chun kung fu: si impara a difendere la linea immaginaria che passa per il centro del corpo e a cui fa capo l'energia vitale.

Lo Han
Discepolo di Budda e nome delle prime tecniche insegnate da Bodhidharm ai monaci Shaolin e alla base del kung fu.

Lung
Dragone in cinese.

Mabuni Kenwa
Il creatore dello Shintoryu karate.

Makiwara
Un bastone da percuotere usato nel karate per rinforzare mani e piedi.

Mano vuota
Traduzione letterale della parola giapponese karate.

Mantide religiosa
Stile del kung fu detto in Cina tong long, con lo stile del combattimento tra la mantide e la cavalletta.

Men
La maschera o l'elmetto usati nel kendo.

Moo Duk Kwan
Termine coreano per Accademia di arti marziali.

Moon Joong
Pupazzo di legno a forma umana per allenamenti nel kung fu (wing chun, hung gar, kuen).

Muay Thai
Dizione corretta per la boxe Thai.

Naginata
Un' alabarda giapponese o una lancia con lama ricurva. Usata nell'arte marziale naginata do.

Naha Te
Uno dei tre stili originali del katate di Okinawa (Naha è una città).

Ninja
Società segreta in Giappone che addestrava all'assassinio e allo spionaggio.

Ninjutsu
Le arti e tecniche del ninja; originariamente shinobi.

Nunchaku
Manganello formato da due bastoni collegati da una catena o corda. Usato in tutta l'Asia.

Okinawa Te
Termine che indica le scuole di karate in genere di Okinawa.

Pa Kua
Stile interno del kung fu basato su movimenti circolari con colpi a palmo aperto. Talvolta detto "boxe con il palmo in otto direzioni".

Palmo d'acciaio
Tecnica letale del kung fu per uccidere con un solo colpo. La mano e l'avambraccio vengono allenati per anni per diventare duri come l'acciaio. .

Pentjak Silat
Arte marziale indonesiana con origini mussulmane e cinesi ed alcune centinaia di differenti stili.

Posizione del cavallo
O posizione dell'equitazione; popolare in molte arti marziali orientali, e in particolare nella cinese hung gar e nel giapponese karate (che la chiama kiba dachi).

Posizione del gatto
Posizione usata in certi stili del karate ma anche del kung fu. Il peso del corpo è tutto appoggiato sulla coscia così che il combattente assomiglia ad un gatto pronto a saltare.

Randori
Combattimento libero nello judo.

Rokushakubo
Bastone di sei piedi nel karate di Okinawa (Roku = sei, shaku = misura di un piede, bo = bastone).

Ryu
In giapponese indica scuola o stile.

Sai
Corta forca di ferro a tre rebbi usata a coppie per difendersi da spade o bastoni.

Samurai
Guerriero feudale giapponese; anticamente il guerriero era detto bushi; il samurai senza padrone era detto ronin.

Sanchin
Esercizio di 20 movimenti di respirazione usato nel karate di Okinawa.

Savate (le)
Arte marziale francese che unisce calci alla boxe; ispirata alle arti marziali cinesi.

Scimmia ubriaca
Stile del kung fu basato sul comportamento della scimmia ubriaca che ondeggia attorno all'avversario per provocarne un movimento sbagliato.

Sensei
In giapponese vuol dire maestro o istruttore.

Shaken
Nome cinese della stelle da lancio (shuriken).

Shaolin
Luogo di nascita del kung fu nelle montagne Songshan del nord della Cina.

Shiai
Gara a punteggio nel kendo.

Shinai
Lama formata di quattro strisce di legno di bambù fissate assieme e che sostituisce la lama di acciaio nel kendo.

Shinobi
Antico nome dei ninja; significa ladri.

Shorinji Kempo
Forma di karate giapponese fondata da Doshin So.

Shotokan
Scuola giapponese di karate, tra le più diffuse ne mondo e fondata da Gichin Funakoshi.

Shuai Chiao
Uno dei primi metodi di lotta cinese antico di 1300 anni; è ancora sport ufficiale in Cina.

Shuriken
Stelle da lancio, armi favorite dei ninja.

Sifu
Istruttore cinese di kung fu (significa padre) che corrisponde al giapponese sensei.

Sikaran
Artemarziale dell'isola di Luzon nelle Filippine con prevalente uso delle gambe.

Sil Lim Tao
Il primo modulo nel wing chun; insegna la posizione dei gomiti e la protezione del centro del corpo.

Sil Lum
Nome cantonese del tempio Shaolin.

Siu Tin Lung
Il Siu Tin Lung (o Tziu Huo Long), Drago di Fuoco Celestiale, è un raro stile interno di Kung Fu originario del Monte Emei (centro-sud della Cina). Creato originariamente nel XV secolo, è simile ad altri stili interni taosti del monte Emei o Wudan (come il Ba Gua Zhang); esso è caratterizzato da movimenti fluidi e circolari e si concentra sull'allenamento della sensibilità al contatto. Attualmente è praticato solo in Italia e in Perù

So Jutsu
L'arte giapponese di usare la lancia.

Sumo
Antica lotta quasi rituale giapponese.

Sun Tzu or Tsu
Autore dell'Arte della Guerra su cui pare si basassero i ninjutsu.

Sweep (ingl.)
Tecnica di colpo al piede per sbilanciare l'avversario.

Taekwondo
Stile di combattimento a mani nude della Corea, simile al karate giapponese.

Tai Chi Chuan
Uno dei tre sistemi interni del kung fu basato sulla estrema fluidità dei movimenti eseguiti con lentezza.

Tamasiwara
Tecnica giapponese di colpire con il corpo vari materiali (legno, mattoni, ghiaccio, ecc.) per valutare la potenza dei colpi. Sitiene nota dei record.

Tang Soo Do
Arte marziale coreana moto simile allo shotokan karate giapponese; creato nel 1949 da Hang Kee.

Te
A Okinawa significa mano.

Thai Boxing
Vedi Muay Thai.

Thaing
Arte marziale di Burma.

Tigre
Uno dei cinque animali del kung fu Shaolin.

Tobok
Vestimento di chi pratica il taekwondo.

Tonfa
Il manganello con impugnatura perpendicolare al corpo adoperato originariamente ad Okinawa e poi nel karate.

Ueshiba Morihei
Il fondatore dell'aikido.

Urumi
Una spada indiana con quatto lame che si aprono di scatto.

Wado Ryu Karate
Stile di karate giapponese sviluppato dallo shotokan ad opera di Hironori Ohtsuka.

Wazari
Il mezzo punto nelle competizioni di arti marziali. Il punto intero è detto ippon.

Wing Chun
Significa "bella primavera". Arte marziale cinese creata da una donna di nome Yim Wing Chun; considerata molto efficace ed essenziale, ha influenzato lo stile di Bruce Lee.

Wu Shu
In genere "arte militare", ora il nome per un arte marziale cinese altamente acrobatica.

Yang Style
Stile creato nel non secolo da Yang Lu Chan; contiene le 13 originali posizioni del tai chi.

Yari
Tipo di lancia giapponese lama diritta che sostituì la naginata in battaglia.

Yoko Aruki
Andatura trasversale dei ninja per nascondere la direzione in cui viaggiavano.

Yokozuna
Il più alto grado dei lottatori sumo.

Yudansha
Il kendoka che ha raggiunto il grado di cintura nera o superiore.

Zanshin
Lo stato della mente calmo e consapevole di fronte all'avversario nelle arti marziali giapponesi. .

Zhurkane
Termine persiano o iraniano per indicare tecniche antiche marziali fatte risalire alla corte di Dario (2000 a. Cr.).


torna su
email email - Edoardo Mori top
  http://www.earmi.it - Enciclopedia delle armi © 1997 - 2003 www.earmi.it