Enciclopedia delle armi - a cura di Edoardo Mori
    torna indietro
 

Home > Menu 1 > Sottomenu > Documento

back

Trattato del diritto della caccia - Tabellazione

La LC prevede numerose ipotesi di tabellazione di aree sottoposte a particolari regini venatori, ma null’altro prevede.
L’art. 10 (Piani faunistico-venatori) stabilisce che:
9. Ogni zona dovrà essere indicata da tabelle perimetrali, esenti da tasse, secondo le disposizioni impartite dalle regioni, apposte a cura dell'ente, associazione o privato che si preposto o incaricato della gestione della singola zona.
L’art. 11 (Zona faunistica delle Alpi) stabilisce che:
4. Le regioni nei cui territori sono compresi quelli alpini, d'intesa con le regioni a statuto speciale e con le province autonome di Trento e di Bolzano, determinano i confini della zona faunistica delle Alpi con l'apposizione di tabelle esenti da tasse.
L’art. 15 (Utilizzazione dei fondi ai fini della gestione programmata della caccia) stabilisce che:
5. Il divieto è reso noto mediante l'apposizione di tabelle, esenti da tasse, a cura del proprietario o conduttore del fondo, le quali delimitino in maniera chiara e visibile il perimetro dell'area interessata.
8. L'esercizio venatorio è vietato a chiunque nei fondi chiusi da muro o da rete metallica o da altra effettiva chiusura di altezza non inferiore a metri 1,20, o da corsi o specchi d'acqua perenni il cui letto abbia la profondità di almeno metri 1,50 e la larghezza di almeno 3 metri. I fondi chiusi esistenti alla data di entrata in vigore della presente legge e quelli che si intenderà successivamente istituire devono essere notificati ai competenti uffici regionali. I proprietari o i conduttori dei fondi di cui al presente comma provvedono ad apporre a loro carico adeguate tabellazioni esenti da tasse.
L’art. 21 (Divieti) stabilisce che:
Comma 1/d) l'esercizio venatorio ove vi siano opere di difesa dello Stato ed ove il divieto sia richiesto a giudizio insindacabile dell'autorità militare, o dove esistano beni monumentali, purché dette zone siano delimitate da tabelle, esenti da tasse indicanti il divieto:
s) cacciare negli specchi d'acqua ove si esercita l'industria della pesca o dell'acquacoltura, nonché nei canali delle valli da pesca, quando il possessore le circondi con tabelle, esenti da tasse, indicanti il divieto di caccia.
Perciò la legge dice quando si devono apporre le tabelle, che esse devono delimitare o circondare il territorio, che sono esente da tasse. Nulla dice circa le caratteristiche delle tabelle né, ad esempio, come è sanzionato chi mette tabelle abusive trattandosi di materia delegata alle regioni.
A parte le norme emanate dalle regioni si deve tenere presente che già il T.U. del 1939, art. 45, aveva indicato le regole tecniche da seguire nella tabellazione e che, proprio per essere tecniche e non giuridiche, conservano pieno valore. Le regole erano le seguenti:
- le tabelle devono indicare la natura del territorio delimitato e del divieto
- le tabelle devono indicare l’autorità o il soggetto che l’ha apposta. Una tabella anonima non ha alcun valore.
- le tabelle devono essere collocate lungo tutto il perimetro del territorio su pali o alberi ad un'altezza da tre a quattro metri e ad una distanza di circa 100 metri l'una dall'altra e, comunque, in modo che le tabelle stesse siano visibili da ogni punto di accesso e da ogni tabella siano visibili le due contigue.
- le tabelle fissate ad alberi devono essere collocate in modo che i rami non impediscano di leggerne la scritta
- la scritta deve essere leggibile da almeno trenta metri di distanza.
- nei terreni vallivi, laghi o specchi d'acqua, le tabelle possono essere collocate anche su natanti, emergenti almeno cm. 50 dal pelo d'acqua.
- le tabelle devono essere collocate anche nei confini perimetrali interni, quando nel territorio si trovino terreni che non siano compresi nella concessione o il territorio sia attraversato da strada di larghezza superiore a tre metri; ove la larghezza della strada sia inferiore a tale misura, è sufficiente l'apposizione di una tabella agli ingressi.
- le tabelle debbono sempre essere contenute in buono stato di conservazione e di leggibilità.

Un problema che si è spesso posto è quello se sia necessaria la tabellazione delle aree protette e dei parchi nazionali.
La soluzione corrente e basata su consolidata giurisprudenza è che siano esclusi dalla tabellazione solo i parchi nazionali. Da ultimo, ad esempio I divieti di esercizio venatorio e di ingresso con armi in un'area protetta sita all'interno di un parco regionale sono efficaci ed opponibili ai privati a condizione che l'area sia perimetrata da apposita tabellazione che ne renda visibili i confini. (In motivazione la Corte ha precisato che la normativa in deroga, prevista dall'art. 10 della L. 6 dicembre 1991, n. 394 per i parchi nazionali, è inapplicabile ai parchi regionali ove la relativa legge istitutiva preveda un obbligo di tabellazione o perimetrazione dell'area; nella specie, si trattava della legge reg. Puglia 20 dicembre 2005, n. 18, istitutiva del Parco naturale regionale "Terra delle Gravine"), *Cass n. 1898 del 10 dicembre 2009.

Il vero problema è che né la legge 394/1991 né il suo art. 10, né altri articoli, contengono la deroga normativa che si è inventata la Sezione III, molto incline alla giurisprudenza creativa, e che neppure si è mai degnata si approfondire la questione; una volta ha fatto una affermazione apodittica secondo cui i parchi nazionali non hanno bisogno di tabellazione perché essi sono delimitati con appositi provvedimenti, completi di tutte le indicazioni tecniche e topografiche necessarie per l'individuazione, la cui conoscenza è assicurata dalla loro pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica.!
È facile dimostrare come questa tesi sia peregrina:
1) La legge sulla caccia prevede la tabellazione persino per la Zona delle Alpi, quando sarebbe stato facilissimo determinarne i confini in via generale; quindi perché fare eccezione per i parchi? La stessa legge del 1939 prevedeva la tabellazioen del parchi nazionali (art. 57)
2) La legge 304/1991 non prevede alcuna deroga ed anzi regola la “perimetrazione provvisoria” in attesa di quella definitiva da inserire degli statuti dei parchi.
 2) L’art. 2 della legge 394/1991, come modificato dalla L. 8 luglio 2003, n. 172, prevede la perimetrazione con oggetti da segnalazione delle aree marittime; è chiaro che la stessa ratio vale per le zone terrestri.
3) La scusa che i confini sarebbero già perfettamente indicati sulla Gazzetta Ufficiale è ridicola per due motivi:
a) perché anche gli statuti dei parchi regionali sono pubblicati sui Bollettini Ufficiali e quindi non si comprende che differenza vi sarebbe dal punto si vista giuridico.
b) se fosse vera la tesi della Cassazione non ci sarebbe bisogno di segnare con cartelli i confini dello Stato; ci sono già sulle carte ufficiali dell’esercito! Il fatto è che la Cassazione non può pretendere che ogni cacciatore od escursionista sia un cartografo esperto che parte da casa con bussola o teodolite o con il GPS. Sapere dove passano dei confini è cosa difficilissima e non certo alla portata di persone che non siano del mestiere. Lo scrivere che costituisce onere di chi esercita la caccia conoscere esattamente i confini dell'area protetta onde evitare di incorrere nel divieto di cui alla legge citata è una mera sciocchezza da parte di chi in giro per monti e boschi non c’è mai stato e non ha visto quanto è facile perdersi. Se non si sa come si chiama il monte su cui ci si trova o la località che si incontra, non c’è carta che tenga; e neppure si può pretendere che un cittadino vada a caccia con qualche metro quadro di carte, magari sotto la pioggia!
Si potrebbe essere un po’ elastici per quei confini naturali quasi invalicabili (fiumi, laghi, autostrade, creste di monti elevati), ma in tutti quei casi in cui il parco confina con terreni liberi o con strade pubbliche, la tabellazione è indispensabile.

In conclusione quindi per la legge ogni territorio soggetto a restrizioni venatorie deve essere delimitato con tabelle; la regola vale anche per i parchi nazionali (attenti alla diversa giurisprudenza della Cassazione). Una lacuna nella disposizione ordinata delle tabelle rende impossibile provare che il cacciatore abbia coscientemente violato la delimitazione, a meno che non vi sia la prova che egli sia passato proprio sotto un cartello del tutto in regola.
Le sanzioni per chi appone tabelle senza averne diritto, sono contenute nelle leggi regionali.

Giurisprudenza
Il divieto di esercizio dell'attività venatoria in zona permanente di protezione faunistica, se è segnalato da apposita tabellazione (art. 10 legge 11 febbraio 1992, n. 157), è opponibile al trasgressore e solleva l'accusa dall'onere della prova; viceversa in assenza di tabellazione, il divieto di caccia si presume ignoto e l'accusa deve dimostrare che, nonostante l'assenza di indicazioni, il trasgressore era comunque a conoscenza della proibizione. Cass. n. 9576 del 25/01/2012
Il divieto di esercizio dell'attività venatoria nelle aree naturali protette se è segnalato da regolare tabellazione si presume conosciuto dal trasgressore e solleva l'accusa dall'onere della prova; viceversa, in assenza di tabellazione, il divieto di caccia si presume ignoto e l'accusa deve dimostrare che, nonostante l'assenza di indicazioni, il trasgressore era comunque a conoscenza della proibizione. Cass. n. 39112 del 29/05/2013
In tema di tutela delle aree protette, i parchi nazionali, essendo stati istituiti e delimitati con appositi provvedimenti pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale non necessitano della tabellazione perimetrale prevista dall'art. 10 della legge n. 157 del 1992 al fine di individuarli come aree in cui è vietata l'attività venatoria, gravando in tal caso su chi esercita la caccia l'onere di individuazione dei confini dell'area protetta all'interno della quale si configura il reato di cui all'art. 30, comma primo, lett. d), della citata legge n. 157. (Fattispecie in cui la Corte, ritenendo sufficiente l'indicazione topografica pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale, ha escluso l'ignoranza incolpevole circa l'esatta perimetrazione dell'area protetta, in quanto l'art. 43, n. 2, della legge Regione Puglia n. 27 del 1998, che vieta di sparare nelle zone comprese nel raggio di 100 metri dal confine dei parchi e delle riserve, purchè opportunamente tabellate, non è applicabile alle zone interne delle aree protette in cui l'imputato esercitava l'attività venatoria). Cass. n. 36707 del 17/04/2014.


torna su
email email - Edoardo Mori top
  http://www.earmi.it - Enciclopedia delle armi © 1997 - 2003 www.earmi.it